In finale ci va ancora la Juve

juve

Azzurri da applausi per lo spirito mai domo mostrato nella seconda parte di gara. Ma Juventus in finale di Coppa Italia contro la Lazio: al Napoli non basta la vittoria per 3-2 al San Paolo dopo il 3-1 bianconero dell’andata allo Stadium. Decisiva la doppietta del più atteso, Gonzalo Higuain. Al Napoli, dopo il momentaneo 1-1 di Hamsik, non bastano le reti di Mertens (su clamorosa papera di Neto) e Insigne. Per i bianconeri sarà la terza finale consecutiva della coppa nazionale (nessuno ci era riuscito nella storia della Coppa), mentre Sarri e il suo gruppo di lavoro non riescono nell’obiettivo una volta centrato sia da Walter Mazzarri che da Rafa Benitez. Ai partenopei resta il difficile obiettivo del secondo posto finale, e la salvaguardia del terzo posto che vale l’accesso all’ultimo turno preliminare di Champions League.

Da Gazzetta.it. Vince il Napoli, ma la Juventus fa festa, perché per il terzo anno consecutivo i bianconeri centrano la finale di Coppa Italia. Segna Higuain, non uno ma due gol, perché i fischi non bastano a rendere innocuo chi ha il gol nel sangue, e le sue due reti sono sufficienti per far diventare inutili i centri di Hamsik, Mertens e Insigne. Finisce 3-2 e il pubblico di sicuro si è divertito, perché stavolta abbiamo visto una bella partita. Prima in campionato, in finale di Coppa Italia e ai quarti di Champions: questa Juventus non si sazia mai ed è ancora in corsa per tutto.

FISCHI E DEDICHE — Tre giorni dopo il protagonista è sempre lo stesso: Gonzalo Higuain. Il San Paolo non si è ancora stufato di fischiare e in Coppa Italia ripropone la stessa accoglienza del campionato. Stavolta però il Pipita reagisce: prima con un applauso ironico verso la curva durante il riscaldamento, poi con indicando la tribuna, dove è seduto De Laurentiis. Un gesto che diventerà improvvisamente chiaro dopo la rete del vantaggio: è colpa tua, è il labiale di Higuain, che non esulta, così come aveva fatto in occasione delle due reti segnate al Napoli allo Stadium. E lo ripete dopo il 2-1.
DOPPIETTA — Il climax della serata è al 32′ del primo tempo, quando la Juventus passa in vantaggio e complica i piani di rimonta dei padroni di casa. E’ un’altra squadra rispetto a quella vista tre giorni fa, meno bloccata, consapevole che serve un gol subito per mettersi al sicuro. Allegri cambia più di mezza squadra, rimette Dybala dietro a Higuain, Cuadrado e destra e Sturaro al posto di Mandzukic; a centrocampo fuori Pjanic e dentro Rincon. Sarri risponde con Milik al centro del tridente, le altre novità sono Zielinski, Ghoulam, Diawara e Chiriches. Tra i pali torna Reina che non è immune da colpe sul gol del Pipita: sul tiro di destro che porta in vantaggio la Juventus era posizionato male, troppo a sinistra. Il Napoli a inizio partita aveva avuto una grande occasione con Callejon, ottimamente anticipato da Neto.
RIMONTA NAPOLI — Il vice Buffon è provvidenziale anche nel secondo tempo, quando interviene su Milik, ma poco dopo subisce il pareggio di Hamsik. E’ ancora lo slovacco, autore dell’1-1 in campionato, a riaccendere le speranze di finale del popolo azzurro dopo 8 minuti del secondo tempo. La Juventus però reagisce e trova subito il nuovo vantaggio con il solito Higuain: cross di Cuadrado e destro imprendibile. Il tutto al termine di una bella azione bianconera: numero di Alex Sandro, palla che transita per i piedi di Dybala prima di arrivare al colombiano. La partita stavolta è bella e vivace: Sarri mette Mertens per Milik e al belga basta meno di un minuto per approfittare di un pasticcio di Neto e segnare il 2-2. Poco dopo arriva anche il 3-2 con Insigne e il Napoli sfiora anche il quarto gol con Pavoletti, ma l’impresa non riesce. Ora i bianconeri affronteranno la Lazio a giugno nella finale dell’Olimpico.