Chiriches ‘traballa’: bloccata la cessione di Tonelli a gennaio

tonelli da bobo

Lorenzo Tonelli bloccato nel Napoli. Per effetto domino, il difensore toscano non è certo di trovare una sistemazione lontano dalla sua Posillipo sul mercato di gennaio. Il direttore sportivo Cristiano Giuntoli e il suo collaboratore Giuseppe Pompilio sanno bene, difatti, che le condizioni atletiche di Vlad Chiriches sono traballanti. Il centrale rumeno ha giocato con profitto al centro della difesa della sua Nazionale, nel contempo ha deciso di operarsi solo al termine della stagione agonistica in corso. Il Napoli così ha bisogno di sostituti pronti e fatti in casa. L’unica strada porta alla cessione in prestito di Tonelli in modalità stand-by. Nikola Maksimovic, pertanto, sta crescendo nei meccanism sarristi in retroguardia e così è diventata la prima alternativa al duo titolarissimo composto da Raul Albiol e Kalidou Koulibaly. Il francosenegalese è al top della carriera e ha anche segnato due gol, mentre per acciacchi il regista difensivo spagnolo ha già saltato due gare ufficiali. Senza Tonelli la coperta diventerebbe corta, quindi. Il Napoli così non cerca sul mercato un altro centrale difensivo, e di scorta. Ma punta sul Tone. che in stagione ha disputato solo una partita ufficiale, e dal primo minuto, ma nel campionato Primavera 1, nella sconfitta degli azzurrini sul campo del Chievo, alla seconda giornata. Lorenzo sa la situazione e come suo solito la prende con il sorriso, tra un selfie in rete con la compagna e il lavoro quotidiano, senza disturbare mai il gruppo. Sul piano strettamente calcistico per le idee di Sarri è fuori dal gruppo ma potrebbe essere ripescato al più presto, considerando che la stagione è lunga e densa d’impegni ravvicinati per il Napoli. La situazione non è poi tanto diversa per Emanuele Giaccherini, come Tonelli che piace alla Fiorentina. In attacco sino alla riapertura del mercato c’è poco da scegliere sia tra titolari che panchinari. Una chance a partita in corso così resta dietro l’angolo per il silenzioso Giack. Il duo piace alla Viola che nelle sue file ha il sogno proibito della proprietà azzurra. La Fiorentina ha ben altri pensieri nella testa, che portano alle big d’Europa per il jolly di centrocampo e attacco. Quel Federico Chiesa che dopo un avvio di campionato da predestinato, alla corte di Stefano Pioli, ha una valutazione che è salita alle stelle, e sta diventando fuori portata per il Napoli che continua a provarci per l’erede di papà Enrico, ma ormai le sirene d’oltralpe ostacolano concretamente le strategie del Napoli.

Antonio Russo – Cronache di Napoli del 10 ottobre 2017