Champions League: Liverpool scatenato. Besiktas a punteggio pieno

champions 1

Nel girone degli azzurri, pesa come un macigno per la squadra di Sarri il successo dello Shakhtar Donetsk sul Feyenoord. Al De Kuip non è bastato il gol del vantaggio di Berghuis ai padroni di casa. Le enormi lacune difensive degli uomini di van Bronckhorst hanno consentito agli ucraini di ribaltare il punteggio con una doppietta di Bernard. Nel finale, dopo il rosso rimediato ingenuamente da Rakitsky, il portiere Pyatov si è vestito da Superman, salvando in maniera miracolosa un colpo di testa a botta sicura del neo-entrato Kramer.

Nel gruppo E, il Liverpool ha preso a pallonate il malcapitato Maribor. Il sette a zero maturato in Slovenia testimonia la bontà della decisione dell’UEFA di riformare la Champions, evitando che si qualifichino facilmente per la fase a gironi squadre che non hanno nulla a che vedere con il gotha calcistico europeo. A Mosca, lo Spartak ha rifilato una sorprendente manita al Siviglia, umiliato da Luiz Adriano e compagni. La classifica vede la squadra di Carrera a quota cinque insieme al Liverpool, mentre il Siviglia ha una lunghezza in meno ma potrà giocare due partite su tre in casa da qui alla fine.

Nel girone G, il Besiktas ha espugnato anche il Louis II, confermandosi in testa a punteggio pieno. Dopo l’iniziale vantaggio monegasco firmato da Falcao, i turchi hanno ribaltato il punteggio con una pesantissima doppietta di Tosun, che avvicina tantissimo Quaresma e soci agli ottavi di finale. Nell’altra sfida, il Lipsia ha centrato il primo storico successo della sua storia in Champions, battendo il Porto per tre a due e scavalcando così i lusitani in classifica.

Nel gruppo H, il big match del Bernabeu è finito in parità. Uno a uno tra Real Madrid e Tottenham, in una sfida che ha confermato sia le difficoltà difensive palesate in più occasioni dai campioni d’Europa in questa parte iniziale di stagione sia la forza offensiva degli Spurs. Il Borussia Dortmund non è riuscito ad approfittare del pareggio di Madrid, rimanendo bloccato sull’uno a uno a Nicosia contro l’Apoel. A questo punto per i tedeschi la qualificazione è lontanissima.